Home > Argomenti vari > L’ATTESA

L’ATTESA

30 Giugno 2007


Le lenzuola sapevano di sole
Il tramonto giocava con le ombre nella camera
La seta bianca accarezzava il tuo corpo disteso
La voce roca di Michel Buble sussurrava un vecchio pezzo di Cohen
Attesa finita
Le unghie viola distese a toccare la parete
Il tuo volto affondato tra le mie cosce
La lingua a bere avida la miscellanea di umori?
Non ho contato i giorni
Non ho registrato il susseguirsi lento delle ore
Ho vissuto come in apnea. Sospesa.
Non ho nemmeno cercato le parole per dirlo
Non ce n?era bisogno. Sapevi. Sapevo.
Ora. Il sangue canta nelle vene di entrambi. Di nuovo.
Tempo da vivere. Spazio da degustare.
La notte sorella antica ci attende.
Andiamo.
Prima che ricominci l?attesa!

Categorie:Argomenti vari Tag:
  1. Nimbus
    3 Luglio 2007 a 12:19 | #1

    …è Michael il nome di Bublè…il est pas francais….Scusa Maya ma le inesattezze corrodono il suono perfetto dei tuoi versi!…Comunque devoto..
    Nimbus

I commenti sono chiusi.